La storia di Torre San Severino ha inizio in epoca romana.
Il Castrum serviva allo stazionamento delle truppe dirette a Miliscola e la Torre faceva parte della serie di torri dislocate sul litorale per l'avvistamento dei saraceni e per la comunicazione ottica tramite segnali di fumo.
Obiettivo principale è creare la scenografia e l'atmosfera adeguate al tipo di circostanza. E, quindi, la cura minuziosa nelle apparecchiature e nella distribuzione dei posti, nella scelta dei luoghi con ampi spazi che offrano, oltre al calore dell'accoglienza, la libertà del movimento. Il fiorito e coloratissimo cortile antistante, la porzione di torre rimasta ancora intatta dopo quasi 2000 anni, insieme ai giardini e alla vegetazione curatissima che circonda la piscina olimpionica, fanno di questo luogo una delle location storiche più affascinanti e ricercate del territorio napoletano.
L'atrio dal soffito a volta, con gli arredi antichi e la grande vetrata con affaccio sul parco, è lo spazio elegante ed esclusivo per accogliere gli ospiti con un aperitivo a buffet e introduzione alla sala dell'antico camino. Da qui, due armature d'epoca sono di guardia all'immenso e spettacolare salone. Luminoso di giorno e incantato di notte, grazie alle antiche specchiere e luci che lo arredano, è lo spazio ideale per Cene di Gala, Cerimonie e Convegni, soprattutto quando la stagione è fredda.


Ultima Certificazione di Qualità: 20 giugno 2017