Un antico proverbio recita: Cu’ voli puisia, venga ‘n Sicilia. Chi vuole poesia, venga in Sicilia. E cosa c’è di più poetico, e magico, di un matrimonio in Sicilia, una regione meravigliosa che fonde cielo, terra e mare, aspra e accogliente, opulenta e sfarzosa, carica di contraddizioni destinate a sfumarsi dinanzi a una bellezza senza pari. A Palermo, un crocevia di culture in cui la storia sussurra a ogni passo, Villa Chiaramonte Bordonaro è un gioiello liberty nato dall’estro dell’architetto Ernesto Basile per il barone, e senatore del Regno, Gabriele Chiaramonte Bordonaro. Realizzata nel triennio che va dal 1893 al 1896, racconta in ogni Sala la storia della famiglia che da sempre la abita, facendone un luogo pulsante e vivo, che accende l’immaginazione con raso e damasco, porcellane, argenterie, preziosi lampadari di Murano, in un’atmosfera sontuosa e aristocratica, ideale per nozze da ricordare. La lussureggiante vegetazione mediterranea e un tripudio di palme incorniciano la piscina per ricevimenti in cui ogni dettaglio è curato con raffinatezza. Al tramonto, la luce guizzante delle candele si specchia nell’acqua illuminando una celebrazione indimenticabile, trasportando gli sposi e gli invitati in una dimensione onirica, che si dilata negli altri ambienti della Villa, di cui si può usufruire in ogni stagione grazie al magico raccordo del Giardino d’Inverno, collegato con le altre Sale e che permette l’abbraccio con il panorama circostante. Al riparo della calda intimità di questo luogo, è possibile muoversi liberamente, con approntamenti sempre unici. Si respira il profumo della Sicilia nella ricchezza dell’allestimento, nella sontuosità degli spazi, oggetti di un felice horror vacui che non lascia vuoti ma soltanto la gioiosa pienezza della festa e di un’abbondanza che lascia spaesati e felici come bambini la mattina di Natale. La Sala Rossa, la Sala Blu e la Sala Verde costituiscono un affascinante viaggio nel tempo per rivelare tesori unici, quelli che raccontano la storia di queste mura, attraverso la preziosa stoffa che le ricopre e la narrazione si snoda poi fra affreschi, quadri ottocenteschi e mobili d’epoca, fino a giungere nella Sala con parquet, intima e moderna, per qualsiasi tipologia di evento e per ospitare un elevato numero di ospiti. A Villa Bordonaro anche la tavola è protagonista e rinverdisce i fasti della tradizione nobiliare siciliana grazie alla competenza della baronessa Antonella Inglese e del suo staff: il menu perfetto è il completamento di un’esperienza sensoriale straordinaria, in una cornice ideale e suggestiva per vivere il proprio sogno nella luce pura e immensa di Palermo.