Villa Arvedi di Cuzzano a Grezzana, è documentata fin dal 1200 come casa di proprietà di Mastino, Alberto e Cangrande della Scala. Nel 1432 viene descritta come: ''possessione con casa merlata con torcolo da vino e torcolo da olio''.
Ubicata lungo il declivio di un colle e delimitata a monte da una coltivazione di antichi olivi e da un folto bosco di roveri e carpini. Verso la metà del 1650 viene eretta su disegno dell'architetto G.B. Bianchi nelle forme attuali. Il salone al primo piano e la chiesetta sono completamente affrescate da Ludovico Dorigny (1654-1742).