La Villa fu eretta sulle fondamenta di un edificio a carattere religioso nella seconda metà del 16 secolo: si sviluppa in altezza su tre piani e al suo fianco si trovano le tipiche Barchesse, caratterizzate da decorazioni pittoriche esterne.
Il complesso divenne di proprietà della celebre famiglia Manin nel 18 secolo, che la mantenne fino al 1797, quando passò alla famiglia Masotto; successivamente fu acquistata dalla famiglia Brojanigo Cantarella, la quale la ristrutturò nel 1883.
Le Sale del piano nobile sono impreziosite da affreschi alle pareti, conservano gli originali pavimenti in seminato veneziano e le decorazioni della travatura dei soffitti; la Sala centrale può accogliere fino a 100 persone sedute per ospitare incontri pubblici, convegni e conferenze, mentre le altre Sale possono essere utilizzate per un servizio di rinfresco.
L'ampia Sala delle Barchesse, ai cui lati si trovano i giardini della Villa, può invece ospitare fino a 120 persone sedute a platea, nel Portico trovano invece posto fino a 150 persone.
Le antiche Sale delle Cantine sono state recentemente restaurate e sono caratterizzate da affreschi a tema religioso e dai soffitti a volta: possono ospitare pranzi o cene di lavoro, rassegne artistiche, degustazioni enogastronomiche ed eventi privati.