Conosciuta anche come Il Boschetto, Villa Verità Fraccaroli si trova ai piedi del colle di San Briccio, in località San Pietro di Lavagno, circondata da ettari di vigneti da cui prendono vita i grandi vini del territorio veronese, quali il Valpolicella Superiore Ripasso, l'Amarone ed il Recioto. Costruita nella seconda metà del '500 per volontà del filosofo e poeta Gerolamo Verità, il terreno su cui si sviluppa la villa porta i segni di un'epoca ben precedente, come testimoniano gli antichi reperti, tuttora visibili, risalenti al periodo romano. Dalla famiglia Verità, nel tardo Settecento la villa passò ai conti Montanari che la restaurarono ed ampliarono, dandole l'impronta settecentesca che la caratterizza. Oggi di proprietà della famiglia Fraccaroli, che grazie alla loro cura e dedizione mantiene intatta tutta la sua storica magnificenza.
Un viale alberato conduce ad una salita che si apre su un cortile, sul quale dà il palazzo. L'edificio, formato da un corpo centrale a cui si lega un'altra ala sul lato sinistro, deve la sua originaria impostazione classica al Sammicheli, architetto veronese del Cinquecento.
Al primo piano, nel salone dei ricevimenti magnificamente affrescato, un cosmo mitologico si illumina in un cielo di grazia e fantasia. Sul lato nord del palazzo si estende il parco: splendido esempio di giardino all'italiana, è caratterizzato da una suddivisione geometrica degli spazi ottenuta con l'utilizzo di siepi e cespugli sempreverdi, ed uno specchio d'acqua geometrico, accostato ad elementi architettonici quali fontane e statue. Non solo architettura, ma anche storia e mitologia si incontrano in questo piccolo Eden. Nascosto allo sguardo indiscreto dei più, il parco offre inoltre una suggestiva vista panoramica sul laghetto di proprietà.