Un tripudio di bellezza, cullata da un’altalena di morbide curve e abbacinata da una sinfonia di cangianti colori e ondulanti armonie, che risuonano vivide e maestose come un angelico inno alla gioia, alla pace interiore ed alla lentezza, fedele ancella dell’arte di vivere. Attraversare la Val d’Orcia è come entrare in un quadro impressionista: con le sue dolci colline lunari vestite d’oro, d’olivi e di vigne, i candidi viali incorniciati da filari di cipressi che paiono dipinti, le case rurali che fanno capolino qua e là e le chiesette coricate a valle che si stagliano all’orizzonte. E tutt’intorno una natura selvaggia e sublime, che benevolmente si sposa con l’ammaliante fierezza delle desertiche crete senesi.
Incastonata nel cuore di questo paradiso terrestre, la Dimora Buonriposo ospitò in un tempo lontano i viandanti e i pellegrini che percorrevano la Via Francigena alla volta di Roma. [mostra tutto...]